Home Libri e Recensioni
Libri e Recensioni
Piccola biblioteca UAAR Livorno
Giovedì 29 Novembre 2012 19:57

Il circolo UAAR di Livorno mette a disposizione dei propri soci un servizio autogestito, totalmente gratuito, di condivisione dei libri ricevuti in dono. Se vi interessa leggere uno tra i libri, le pubblicazioni e i materiali audiovisivi riportati nell’elenco a fine articolo, potete venire in sede durante l’orario di apertura (il giovedì dalle ore 17, esclusi festivi e mese di agosto), o durante una delle riunioni programmate (di cui viene data di volta in volta notizia su questo sito), per consultarlo od ottenerlo in prestito.

 

 
I Templari e la Sindone

I Templari e la Sindone

 

ANDREA NICOLOTTI

 

 

"I Templari e la Sindone. Storia di un falso"

 

 

188 p. - Collana Aculei, Salerno 2008

 

 

È uscito in questi giorni un nuovo libro sulla Sindone di Torino. La bibliografia sull’argomento era già sterminata: c’era proprio bisogno di un nuovo libro? Sì! Senza dubbio. L’Autore, Andrea Nicolotti, ha al suo attivo alcuni volumi e numerosi articoli sulla storia e la letteratura del cristianesimo antico.

 
Il gioco delle perle di vetro

hesse

 

HERMANN HESSE

 

"Il gioco delle perle di vetro"

 

1943

 

 

L'ultimo libro scritto da Hermann Hesse doveva, nelle intenzioni dell'autore, essere il suo capolavoro, e il risultato fu il complesso, splendido racconto della vita di Joseph Knecht in "Il gioco delle perle di vetro" ("Das Glasperlenspiel"), iniziato nel 1931, la cui stesura richiese 10 anni. Il libro non fu pubblicato nella Germania nazista ma in Svizzera, nel 1943, e contribuì ad accrescere il valore e la fama dello scrittore, fino al riconoscimento del premio Nobel per la letteratura nel 1946. 

 
Nati Per Credere

Nati per credere

 

GIROTTO-PIEVANI-VALLORTIGARA

 

"Nati per credere"

 

203 p. - Codice, 2008

 

 

Non era facile, considerata la vastità del compito, e non penso sia un caso se per scriverlo si sono dovuti mettere in tre (uno psicologo cognitivo, un filosofo della scienza e un neuroscienziato). Lo scopo del libro, come ammicca il sottotitolo, è capire «perché il nostro cervello sembra predisposto a fraintendere la teoria di Darwin».

 
«InizioPrec.12Succ.Fine»

Pagina 1 di 2
Copyleft © 2017 UAARLIVORNO. No rights reserved.